Bangkok,  Thailandia

I templi di Bangkok

A Bangkok potrete trovare templi in ogni angolo; da quelli più conosciuti dai turisti fino alle piccole realtà dall’atmosfera unica e spirituale. Questi sono quelli che siamo riusciti a visitare perchè il tempo a disposizione non era molto e noi abbiamo preferito farne pochi ma cercare di farli bene.

Il primo tempio dove ci siamo recati è stato Il Gran Palazzo Reale(Wat Phra Kaeo). É formato da un complesso di edifici ed è stato la residenza dei re Thailandesi dal 1785. Oggi viene utilizzato solo in alcune cerimonie ufficiali. La visita è molto lunga perchè le cose da vedere sono moltissime. Qui si posso ammirare stupende colonne dorate con mosaici e specchi che riflettono la luce. Tutte le pareti sono state dipinte in perfetto stile Thai e raffigurano i miti, le leggende e la storia di tutta la nazione. Imperdibile è il piccolo ma prestigioso Buddha di smeraldo, situato nel santuario centrale.

Questo è stato il tempio più caro, abbiamo pagato 500Bath per entrare ma ne è valsa la pena. Attenzione all’abbigliamento, le guardie all’ingresso sono molto rigide quindi ricordatevi di avere sempre dei pantaloni lunghi e una maglietta almeno a mezze maniche con voi. Niente scollature, niente indumenti attillati e niente infradito.

Usciti da questo tempio ci siamo subito diretti al Wat Po o Tempio del Buddha sdraiato. Naturalmente in questo tragitto di strada non potevamo farci mancare un bell’acquazzone che ci ha inzuppati dalla testa ai piedi in pochi secondi. La cosa divertentissima è stata vedere come i venditori ambulanti, che prima proponevano fiori o altri oggetti, si siano subito attrezzati per venderti dei carinissimi k-way colorati.

Arrivati al Wat Po ormai aveva smesso di piovere. È stato uno dei miei preferiti di Bangkok perchè, nonostante la miriade di turisti è riuscito a non perdere il suo carattere spirituale.

Con la sobrietà che caratterizza l’architettura Thai, all’interno del tempio potete trovare il Buddha sdraiato, una statua completamente ricoperta d’oro che misura 15 metri di altezza e 46 metri di lunghezza! Vi assicuro che è a dir poco impressionante. Come porta fortuna, abbiamo comprato un sacchetto di monete da mettere nei 108 contenitori di bronzo che si trovano lungo le pareti. Rappresentano le 108 azioni e simboli che hanno aiutato il Buddha a raggiungere la perfezione. Non imbrogliate, ogni moneta va in un contenitore! Se dopo averlo fatto non vi sentite più fortunati consolatevi pensando che il ricavato viene donato ai monaci. 

Per Arrivare a Wat Arun bisogna prendere un battello da Tien Pier al costo di 4Bath. Arriverete  dall’altra parte del fiume in meno di 5 minuti.I traghetti fanno avanti e indietro per tutto il giorno per cui non preoccupatevi, i tempi di attesa sono di massimo 10 minuti. Una volta scesi troverete un’unica piccola strada da seguire e dopo circa 20 metri troverete il Wat Arun. Prima di visitare il tempio ci siamo concessi una breve sosta per il pranzo. Abbiamo trovato un piccolo  e spartano ristorantino con sedute ai tavoli solo persone del posto. Abbiamo mangiato dei Noodles davvero strepitosi.

Successivamente ci siamo incamminati per visitare iL Wat Arun. All’ingresso è possibile noleggiare dei vestiti della tradizione Thai per fare delle foto. Nonostante l’idea sia molto carina non ce la siamo proprio sentita di ricoprirci da capo a piedi con 30 gradi!

Il Tempio è stupendo, merita sicuramente la visita. È completamente ricoperto di conchiglie e frammenti di porcellana cinese che brillano al sole. Quando fu costruito le navi cinesi che arrivavano al porto di Bangkok utilizzavano le porcellane come zavorra per le proprie navi.

Consigli per i templi e la religione buddista

-Ricordatevi di vestirvi in maniera adeguata;

-Nei templi si entra o con le calze oppure a piedi nudi;

-Non si possono fare selfie con dietro le statue del Buddha;

-Quando si scattano le foto al Buddha dovreste essere sempre in una posizione più bassa rispetto all’immagine;

-Non è rispettoso usare il Buddha come decorazione o tatuaggio;

-Ricordate che i templi sono luoghi sacri;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *